Appropriatezza dell’uso di emocomponenti

Haspel RL, Uhl L. How do I audit hospital blood product utilization? Transfusion. 2012 Feb; 52(2):227-30. doi: 10.1111/j.1537-2995.2011.03191.x.

Richard Haspel e Lynne Uhl lavorano al Beth Israel Deaconess Medical Center a Boston ed hanno pubblicato in passato su argomenti di sicurezza in ambito trasfusionale. In primo luogo, gli autori usano il termine “utilization review” per cio’ che noi chiameremmo “audit sull’appropriatezza”. Infatti, chi cerca letteratura americana sull’audit clinico, spesso deve usare stringhe di ricerca diverse rispetto a quelle consuete per la letteratura europea. In secondo luogo, essi seguono una distinzione fra audit retrospettivo – concomitante – prospettico, poco usata in Italia, dove si distingue solo fra retrospettivo e prospettico. Avendo notato un’ampia variabilita’ nel comportamento prescrittivo di emocomponenti, venivano introdotti alcune azioni di miglioramento: (1) linee guida locali sull’uso appropriato di emocomponenti, (2) un sistema di avvisi elettronici per i casi in cui un clinico ordina emocomponenti in maniera potenzialmente inappropriata, (3) sedute trimestrali del Comitato Sangue in cui vengono esaminati collegialmente tali casi. I risultati di queste azioni mostrano un’efficacia ad altissimo livello di significativita’. Successivamente si e’ passati ad un sistema di valutazione concomitante soprattutto per le richieste di piastrine. L’articolo riporta esempi concreti ed un riassunto delle linee guida locali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...