Un audit clinico in radiologia può ottimizzare le dosi di esposizione a radiazioni

Tack D, Jahnen A, Kohler S, Harpes N, De Maertelaer V, Back C, Gevenois PA (2014). Multidetector CT radiation dose optimisation in adults: short- and long-term effects of a clinical audit. Eur Radiol. 2014, 24, 1, 169-75

E’ la prima volta che nella newsletter viene riportato un lavoro dal Lussemburgo, ed una delle rare volte che si parla di audit clinico in ambito radiologico. Difatti, gli autori -in parti belgi e in parte lussemburghesi- hanno iniziato nel 2007 un ciclo di audit clinico sulle 8 TAC multistrato presenti nel piccolo stato, esaminando i dati di 20 pazienti consecutivi per ogni impianto, relativamente all’esposizione a radiazioni. Nel 2008, con il finanziamento del ministero della salute, un clinico esperto forniva supporto a tutti i colleghi coinvolti con visite in loco, seguendo le raccomandazioni dell’International Atomic Energy Agency. Nel 2009 seguiva una seconda rilevazione di dati, dalla quale emergono riduzioni di esposizione dal 18% fino al 75%. I risultati si sono dimostrati stabili anche a distanza di 1 anno, nella terza rilevazione del 2010.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...