News dalla Cochrane: un altro ripensamento ?

(1) Colquhoun HL, Brehaut JC, Sales A, Ivers N, Grimshaw J, Michie S, et al. A systematic review of the use of theory in randomized controlled trials of audit and feedback. Implement Sci. 2013 Jun 10;8:66

(2) Ivers NM, Sales A, Colquhoun H, Michie S, Foy R, Francis JJ, et al. No more “business as usual” with audit and feedback interventions: towards an agenda for a reinvigorated intervention. Implement Sci. 2014;9:14

(3) Ivers NM, Grimshaw JM, Jamtvedt G, Flottorp S, O’Brien MA, French SD, et al. Growing Literature, Stagnant Science? Systematic Review, Meta-Regression and Cumulative Analysis of Audit and Feedback Interventions in Health Care. J Gen Intern Med. 2014 Jun 26

Ci sono novità dal gruppo della Cochrane Collaboration. Nella newsletter n.16 avevamo parlato ampiamente della terza edizione della revisione sistematica su “Audit and Feedback” (2012), la quale, dopo attenta ricerca bibliografica, si è invece rivelata la sesta, ma di questo discuteremo altrove.

Dopo la pubblicazione della edizione del 2003 (“Audit and feedback can be effective in improving professional practice. When it is effective, the effects are generally small to moderate”), uscì nel 2005 su BMC Health Services Research un lavoro in cui alcuni degli stessi autori esprimevano un giudizio differente (“Review suggests that audit and feedback can be effective in changing healthcare professional practice”).

In maniera del tutto simile, alcuni degli autori Cochrane pubblicano ora una serie di articoli che rivedono la valutazione espressa nella edizione del 2012 (ricordiamo: “Audit and feedback leads to small but potentially important improvements in professional practice”). Ivers et al. (2014) ora affermano a sorpresa: “There is substantial evidence that audit and feedback can effectively improve quality of care”.

Il primo articolo che segnaliamo oggi, è stato pubblicato nel Giugno 2013, a cura di autori provenienti da Canada, USA e UK. I 140 studi inclusi nella revisione Cochrane 2012 sono stati revisionati rispetto all’esplicitazione delle teorie con le quali i ricercatori di volta in volta avevano cercato di spiegare i propri risultati. Si tratta complessivamente di 18 modelli teorici diversi, riferibili alla pedagogia, psicologia, scienze dell’organizzazione e alla “diffusione dell’innovazione”. Le teorie più usate sono quella di Rogers sulla diffusione dell’innovazione e quella di Bandura sull’apprendimento sociale. Sembra emergere che una scienza nuova, ma sostanzialmente autopoietica (la “scienza dell’implementazione” come recita anche il nome della rivista) comincia a fare i conti con i problemi epistemologici già affrontati dalle classiche discipline delle scienze umane. Infatti, gli autori concludono con un riferimento a Pawson “Nothing as practical as a good theory” (2003).

Il secondo lavoro, i cui autori sono in buona parte gli stessi, frutto anche di un grant del Canadian Institute of Health Research, propone un’agenda di priorità della ricerca per ottimizzare audit e feedback. “Piuttosto che continuare ‘business as usual’, crediamo che uno sforzo ed un approccio sistematico siano ora necessari per determinare come pianificare e svolgere al meglio audit e feedback.” Fra le caratteristiche di una best practice per gli audit gli autori elencano:

– i dati devono essere validi,
– i dati devono essere basati sulla performance recente,
– i dati devono riguardare il comportamento del professionista o del team interessato,
– i cicli di audit devono essere ripetuti, presentando ogni volta dati nuovi.

Il terzo lavoro (di 8 dei 10 autori Cochrane) cerca di tracciare un profilo storico con una analisi cumulativa esaminando 62 studi fra il 1984 ed il 2009 relativi agli effetti misurabili di audit e feedback che ogni singolo studio si proponeva di misurare. Emerge un profilo stabilmente positivo a partire dal 2003 e, da qui, la affermazione, sopra citata, che audit e feedback possono effettivamente migliorare la qualità dell’assistenza.

Riferimenti bibliografici di approfondimento:

– Foy R, Eccles MP, Jamtvedt G, Young J, Grimshaw JM, Baker R. What do we know about how to do audit and feedback? Pitfalls in applying evidence from a systematic review. BMC Health Serv Res. 2005;5:50.

– Ivers N, Jamtvedt G, Flottorp S, Young JM, Odgaard-Jensen J, French SD, et al. Audit and feedback: effects on professional practice and healthcare outcomes. Cochrane Database Syst Rev. 2012;6:CD000259.

– Jamtvedt G, Young JM, Kristoffersen DT, O’Brien MA, Oxman AD. Audit and feedback: effects on professional practice and health care outcomes. Cochrane Database Syst Rev. 2006;(2):CD000259.

– Jamtvedt G, Young JM, Kristoffersen DT, Thomson O’Brien MA, Oxman AD. Audit and feedback: effects on professional practice and health care outcomes. Cochrane Database Syst Rev. 2003;(3):CD000259.

– Pawson R. Nothing as Practical as a Good Theory. Evaluation. 2003 Oct 1;9(4):471–90.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...